© 2008 . 2018 GliArchitettiAssociati . via Guidiccioni 111 .  55100 . Lucca . IT . p.iva 02122940469 . info@studiogaa.com

  • Facebook
  • Instagram

DOV'E' FRIDA?

Trasformare un contenitore anonimo, impersonale e privo di identità in uno dei clothing store più interessanti, dinamici ed innovativi presenti nello scenario della città Lucca: questa la sfida accolta dallo Studiogaa.

Il progetto, quindi, si sovrappone e si differenzia dalla pesante dominazione della struttura esistente, a favore di una progettazione leggera, sensibile e sofisticata in cui trova spazio grande cura del dettaglio e personalizzazione di ogni elemento distributivo, grazie alla collaborazione di esperti artigiani locali.

Ogni superficie (pavimentazioni, pareti, elementi di arredo, divisori, etc…), ha subito lavorazioni diverse così da ottenere trame, orditure e tessiture che giocano tra di loro.

Il colore diventa una componente comune, che lega e che funge da filo conduttore a declinazioni materiche eterogenee.

Si differenzia, invece, il volume degli spogliatoi, le cui pareti, completamente rivestite in essenza di legno, vogliono essere l’unico elemento di rottura cromatica allo scopo di esaltare il posizionamento asimmetrico dei setti centrali.

Il risultato è uno spazio raffinato, ricercato e contemporaneo, che racconta di una realtà di pregio ed attenta al mondo del fashion in tutte le sue declinazioni.

WHERE IS FRIDA

To transform an anonymous, impersonal and undefined container into one of the most interesting, dynamic and innovative clothing stores in the city of Lucca: this is the challenge accepted by the Studiogaa.

The project, therefore, overlaps and differs from the heavy domination of the existing structure, in favor of a light, sensitive and sophisticated design in which great attention is paid to details and customization of each element, thanks to the collaboration of expert local artisans.

Each surface (floors, walls, furnishing elements, partitions, etc ...) has undergone different surface treatments in order to obtain diversified finishes.

Color becomes a common component, which binds and acts as a common thread to heterogeneous material declinations.

The volume of the changing rooms differs from the rest: it is made entirely of natural wood and is the only chromatic breaking element in the whole environment.

The result is a refined and contemporary space, expression of a vibrant company, attentive to the world of fashion in all of its forms.