© 2008 . 2018 GliArchitettiAssociati . via Guidiccioni 111 .  55100 . Lucca . IT . p.iva 02122940469 . info@studiogaa.com

  • Facebook
  • Instagram

SINUOSITA'

Quella della messa a tavola, in particola modo per gli italiani, è sempre stato un momento pieno di ritualità: dagli antichi romani, con la loro abitudine di mangiare distesi sui triclini fino all’eccesso del Barocco.

Il solo gesto del portarsi il cibo alla bocca richiama una certa sensualità che quasi non è più percepita ai giorni nostri, dettati da ritmi frenetici ed impellenti.

Il progetto di un ristorante, nella via principale di Lucca, diventa l’occasione per reinterpretare l’idea di una ristorazione lenta, in cui si crea lo spazio adatto per riuscire a tornare ad una dimensione rilassata.

L’idea è quella di studiare e progettare ogni dettaglio -colori, suoni, materiali ed illuminazione- così da creare un ambiente in cui vivere un’esperienza squisitamente distesa.

Il locale si suddivide in due piani, trattati con cromatismi antitetici: se il piano terra vede la predominanza di tonalità chiare, il piano primo che costituisce la porzione più riservata del ristorante, vede la prevalenza di tonalità scure.

Le pareti attrezzate riportano decorazioni che richiamano motivi naturali ed il mezzanino, che insiste nella sala principale al piano terra, è nascosto da una parete leggera in frange, che ripercorre l’andamento sinuoso del piano rialzato.

 

SINUOSITY

That of dining time, especially for Italians, has always been a moment full of rituals: from the ancient Romans, with their habit of eating lying on special beds, up to the excess of the Baroque.

The gesture of bringing food to the mouth recalls a certain sensuality that is no longer perceived, nowadays, due to frenetic and impelling rhythms.

The design of a restaurant, in the main street of Lucca, becomes an opportunity to reinterpret the idea of ​​a slow dining time, in which the space is created to be able to return to a relaxed dimension.

The idea is to study and design every detail colours, sounds, materials and lighting so as to create an environment in which to live an exquisitely stress-free experience.

The room is divided into two floors, treated with antithetic colors: if the ground floor sees the predominance of light shades, the first floor that is the most reserved portion of the restaurant, sees the prevalence of dark shades.

The equipped walls display decorations that recall natural patterns and the mezzanine, above the main room on the ground floor, is hidden by a light fringed wall, which traces the sinuous path of the raised floor.