© 2008 . 2018 GliArchitettiAssociati . via Guidiccioni 111 .  55100 . Lucca . IT . p.iva 02122940469 . info@studiogaa.com

  • Facebook
  • Instagram

CIAO MAMMA " La mamma è sempre la mamma!"

 

La mamma vede tutto.

La mamma sente tutto.

La mamma sa tutto.

La mamma prevede tutto.

La mamma ha sempre ragione.

 

‘Ciao Mamma’ è un progetto sperimentale che esplora i recenti mutamenti della realtà sociologica odierna che vede un aumento della richiesta di appartamenti per residenti singoli, per lo più giovani in cerca di emancipazione, senza la necessità di avere a disposizione spazi ed ambienti eccessivamente ampi, così da garantire una corretta gestione e manutenzione degli stessi.

L’intero complesso è caratterizzato dall’abbraccio di una seconda pelle, leggera, in legno, che funziona come filtro e divisione tra spazio pubblico e privato e sul quale si innestano dei portali, con diversa morfologia e composizione materica, dai quali sbocciano piante e porzioni a verde, così da conferire dinamicità e colore al prospetto principale.

Ogni appartamento si sviluppa in senso verticale: al piano primo sono situate le zone destinate al riposo mentre, il piano terra, accoglie ambienti a giorno che si estendono anche all’esterno, creando zone all’aperto riservate ma che, all’occorrenza, possono rendersi facilmente valicabili così da facilitare e promuovere momenti di socializzazione tra condomini e vicini.

Il progetto, quindi, mira a porre l’attenzione su di un nuovo modello in cui ‘vivere da soli non significa essere soli’ e nel quale la differenziazione tra spazi permeabili-impermeabili, chiusi-aperti, non è più così netta ma sfuma verso una maggior condivisione controllata.

 

 CIAO MAMMA "Moms will be moms!"

 

Mom sees it all.

Mom hears it all.

Mom knows it all.

Mom provides it all.

Mom is always right.

 

'Ciao Mamma' is an experimental project that explores the recent changes in today's sociological reality that sees an increase in the demand for apartments for single residents, mostly young people in search of emancipation, without the need to have excessively large spaces and environments, so as to ensure proper management and maintenance of the same.

The entire complex is characterized by the embrace of a second light skin, , made in wood, which functions as a filter and division between public and private space and on which portals, with different morphology and material composition, hang from and from which plants and green portions arise, so as to give dynamism and colour to the main façade.

Each apartment is developed in a vertical direction: on the first floor are located areas for resting purposes while, the ground floor, welcomes open spaces that extend outside as well, creating reserved outdoor areas but which, if necessary, can to be easily accessible so as to facilitate and promote moments of socialization between condominiums and neighbours.

The project, therefore, aims to focus on a new model in which 'living alone does not mean being alone' and in which the differentiation between permeable- impermeable, closed-open spaces is no longer so clear but fades towards greater controlled sharing.