CI STO BENE!

Si tratta di un intervento di ristrutturazione di un appartamento, distribuito su due livelli, nel centro di Lucca, all’interno di un edificio di pregio.

 

Il progetto ha seguito una direzione ben precisa: liberare glia ambienti da tutti gli interventi che negli anni lo avevano trasformato e frammentato in partizioni, ovvero in una sequenza di piccoli spazi ed, al contempo, riorganizzare il suo impianto distributivo ripensando radicalmente il modo di vivere al suo interno.

 

Si è deciso di liberare il volume dalle numerose piccole stanze costruite nel tempo, in favore di un utilizzo delle stesse funzioni in un ambiente unico e di più ampio respiro.
Per ottenere questo risultato si è lavorato anche sul disegno dell’arredo fisso in modo da organizzare delle zone che con ordine contengono un alto numero di funzioni e che non sono in contrasto tra loro ma che, al contrario, vivono l’una grazie all’altra.

 

Gli spazi al piano inferiore sono destinati alla cucina ed al living. Quest’ultimo è articolato da una lamina che, oltre a creare un primo filtro di ingresso, costituisce l’innesto per un volume funzionale, interamente rivestito in legno. I due livelli sono collegati da una scala esistente in pietra, opportunamente recuperata e trattata, sulla quale poggia una libreria che accompagna e conduce al piano superiore dove si trasforma in parapetto diventando un vero e proprio elemento architettonico integrato e dalla duplice valenza.

I FEEL GOOD!

This is a renovation of an apartment, distributed on two levels, in the centre of Lucca, inside a prestigious building.

 

 

The project followed a very specific direction: freeing the space from all the interventions that over the years had transformed and fragmented it into a sequence of small rooms and, at the same time, reorganizing its distribution system by radically rethinking the way of living the ambient inside.

 

We decided to free the volume from the numerous small rooms built over time, in favour of using the same functions in a single and wider environment. To achieve this result, we also worked on the design of the fixed furniture in order to organize areas that contain a high number of functions in order and that is not in contrast with each other but which, on the contrary, live one thanks to the other.

 

The spaces on the lower floor are intended for the kitchen and living room. The latter is articulated by a sheet which, in addition to creating a first inlet filter, constitutes the graft for a functional volume entirely covered in wood. The two levels are connected by an existing stone staircase, appropriately recovered and treated, on which rests a bookcase that accompanies and leads to the upper floor where it turns into a parapet becoming a real architectural element.